Il commento di Giorgio La Malfa su Il Foglio del 20 settembre 2019 ''I partiti irrilevanti possono diventare igienizzanti''

di Giorgio La Malfa - 20/09/2019 - Politica interna
Il commento di Giorgio La Malfa su Il Foglio del 20 settembre 2019 ''I partiti irrilevanti possono diventare igienizzanti''
Cari amici,
il Foglio mi ha chiesto di commentare i quasi quotidiani riferimenti al partito Repubblicano da parte di esponenti come Calenda, Renzi etc. Ho voluto ricordare che il PRI fu un partito di estrema minoranza che nel dopoguerra superò il 4% solo in tre elezioni, nel '46, nell'83 e nel '92, ma che ebbe il massimo di peso e di incidenza politica quando aveva si e no il 3%. Intendevo dire che non mi sembra che nessuno di quelli che fa riferimento alla nostra esperienza si "accontenterebbe" del 3%: tutti puntano - ci riescano o meno - ad occupare uno spazio elettorale importante che consenta loro di rivendicare la guida del Governo.
 
Ho anche detto che il nostro peso dipendeva dalla qualità delle posizioni politiche e dalla estrema selezione  del gruppo dirigente: Ugo La Malfa, Spadolini, Visentini, Rosario Romeo, Giuseppe Galasso, Francesco Compagna e tanti altri a livello nazionale e locale. Non dipendeva da un potere di "ricatto". Avevo fatto  all'intervistatore l'esempio dell'adesione italiana allo SME nel dicembre 1978 "imposta" al governo di solidarietà nazionale di Andreotti con la minaccia di un nostro passaggio all'opposizione che non era determinante ai fini della maggioranza di quel governo che del PRI poteva fare larghissimamente a meno sul piano numerico. Non però sul piano politico. 
 
E infine ho detto che il nostro PRI non si sentiva alternativo ai grandi partiti - in primis la DC e il PCI - non puntava a sottrarre loro l'elettorato. Si impegnava ad interloquire con i loro gruppi dirigenti per influenzarne la linea politica. Avevamo l'idea che in una democrazia ci sono le grandi forze politiche e ci devono essere delle forze politiche consapevoli di essere minoranza che accettano di essere piccole numericamente ma intendono influire sulle scelte generali del Paese. E noi siamo riusciti molte volte a farlo.
 
Se qualcuno vuole provare a rifare una forza politica con queste caratteristiche, è benvenuto. Ma non mi sembra che sia questa l'idea degli attuali protagonisti della lotta politica. Semmai bisognerebbe che qualcuno raccogliesse questa tradizione e la riproponesse.
I vostri commenti e le vostre osservazioni sono per me benvenuti.
 
Molto cordialmente, 
Giorgio La Malfa
 
http://aoload.com/ - http://benidilusso.com/ - http://pcwatchtv.com/ - http://siemensfreaks.com/