La Malfa sul Sole 24 Ore: Una commissione che ripensi gli enti locali

di Giorgio La Malfa - 28/09/2012 - Politica interna
La Malfa sul Sole 24 Ore: Una commissione che ripensi gli enti locali

IL SOLE 24 ORE - 28 settembre 2012


Caro direttore,

ho visto che lei ha aperto il suo articolo sui costi abnormi delle Regioni con la citazione di una frase di mio padre che in un certo senso anticipava quello che poi è successo e che l’inchiesta di oggi del suo giornale documenta ulteriormente. Quella frase non esprimeva però soltanto uno stato d’animo. Il partito Repubblicano si era impegnato a fondo nel dibattito, fra il 1969 e il 1970, sulla legge finanziaria che accompagnava la creazione delle Regioni chiedendo di introdurre dei meccanismi che prevenissero la lievitazione dei costi. In primo luogo, aveva chiesto che, contestualmente alla creazione delle Regioni, si abolissero le Province. Ed è questo un tema con cui siamo alle prese ancora oggi. L’altra era che le Regioni dovessero avere esclusivamente  potestà legislative e non amministrative. Questo avrebbe, fra l’altro, limitato l’aumento abnorme del numero dei dipendenti ed anche ridotto le occasioni di corruzione. Non essendo state accolte quelle proposte, il PRI, che pure nel 1948 era stato d’accordo con l’inserimento delle regioni nella Costituzione, si astenne nel voto finale sulla legge 281 del 1970. Alla quale si è aggiunto un ulteriore pasticcio nel 2001 con l’affrettata attribuzione alle regioni di nuovi poteri con la modifica del Titolo V della Costituzione.

Oggi è evidente la necessità di una profonda revisione dell’istituto regionale, per la quale probabilmente sarà necessaria una legge di carattere costituzionale da votare nella prossima legislatura. A me sembra che il modo migliore per procedere in questa direzione sia quello di istituire una Commissione di Inchiesta parlamentare che raccolga tutti gli elementi utili ad una decisione matura. Penso in particolare a un serio lavoro di confronto sul modo nel quale si è sviluppata l’esperienza regionale in Italia. I principali temi che dovrebbero essere affrontati sono:

  • le differenze fra le regioni nel volume e nella tipologia dell’attività legislativa;

  • le differenze fra le regioni nel grado di attribuzione agli enti territoriali delle responsabilità attuative delle leggi;

  • le dimensioni del personale nelle varie regioni con specifico riferimento alle funzioni svolte e ai relativi costi;

  • i numeri e i costi delle strutture politiche: consiglieri, assessori, Commissioni, gruppi e relativi emolumenti,

  • le condizioni dei bilanci regionali e le tipologie di controllo previste su di essi nelle diverse regioni.

Questo è un primo elenco di questioni sulle quali è opportuno fare un serio confronto fra le regioni.

In 6 mesi di lavoro una Commissione parlamentare di Inchiesta potrebbe mettere a disposizione del Parlamento e dell’opinione pubblica una mole imponente di dati sia sull’evoluzione nel tempo delle regioni, sia sulle differenze operative fra di esse. Ed una conoscenza di questo genere consentirebbe di porre una discussione sulla revisione dell’istituto regionale su una base seria e concreta. Immagino anche le obiezioni, qualunquistiche, contro questa proposta. Si dirà che il Parlamento è già esso sotto accusa per i suoi costi: come può occuparsi di altre strutture pubbliche? La mia risposta è che le Inchieste parlamentari sono tra le cose migliori che il Parlamento italiano ha fatto nel corso della sua esperienza e che se il Parlamento non ha la forza di occuparsi di questi problemi, è esso a convalidare l’immagine negativa che l’accompagna nella pubblica opinione.

Ho intenzione di presentare in questi giorni una proposta di legge che istituisca tale Commissione. Il tempo per approvare la legge, istituire la Commissione e completarne i lavori prima delle prossime elezioni vi sarebbe. Sarebbe bene che i giornali che, come il 24 Ore, seguono con grande attenzione queste materie, spingessero il Parlamento a dedicarsi a questa utile attività prima di chiudere i battenti.

Mi creda

 

 

http://aoload.com/ - http://benidilusso.com/ - http://pcwatchtv.com/ - http://siemensfreaks.com/