Sostieni la Fondazione Ugo La Malfa Onlus

 

Chiediamo a tutti gli amici della Fondazione un sostegno, necessario per mantenerne viva l’attività e per realizzare tutte quelle iniziative che le consentono di realizzare il proprio impegno culturale e politico.

Due modi per sostenere la Fondazione Ugo La Malfa Onlus

  • Destinandole il 5 per mille dell’irpef

La quota del 5 per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) può essere destinata ala Fondazione firmando nell’apposito riquadro per il “Sostegno del volontariato” sui modelli di dichiarazione (Redditi PF, 730, o scheda allegata al modello CU, se dispensati dall’obbligo di presentare la dichiarazione), come nell’esempio riportato sotto:

 

I contribuenti esonerati dall’obbligo di presentazione della dichiarazione, possono presentare la scheda allegata al modello CU (certificazione unica), in busta chiusa recante l’indicazione “Scheda per le scelte della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’irpef”, il codice fiscale e il cognome e nome del contribuente:

  • allo sportello di un ufficio postale (il servizio è gratuito);
  • a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (professionista, Caf, ecc.);
  • attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.

La scheda deve essere presentata integralmente, anche se è stata espressa soltanto una delle scelte consentite (8, 5 o 2 per mille dell’irpef).

  • Con una erogazione liberale

I contributi offerti alla Fondazione Ugo La Malfa sono deducibili dalla dichiarazione dei redditi:

Modalità di versamento:

Bonifico sul c/c intestato a Fondazione Ugo La Malfa Onlus, IBAN: IT 73 E 0306909606100000007463, BIC: BCITITMM, Banca Intesa San Paolo S.p.A.

INFORMAZIONI SULLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE DONAZIONI ALLA FONDAZIONE

PERSONE FISICHE

Le persone fisiche possono detrarre dall’imposta lorda un importo pari al 30 per cento delle erogazioni liberali agli enti del Terzo Settore, per un importo complessivo in ciascun periodo d’imposta non superiore a 30.000 euro (D.Lgs. 117/2017, art.83 1° comma);

OPPURE

 

possono dedurre le erogazioni dal reddito netto, nel limite del 10 per cento del reddito complessivo; nell’ipotesi in cui la deduzione sia di ammontare superiore al reddito, diminuito di tutte le altre deduzioni, l’eccedenza non dedotta può essere portata in deduzione negli esercizi successivi, ma non oltre il quarto, fino a concorrenza del suo ammontare (D.Lgs. 117/2017, art.83 2° comma).

 

IMPRESE E SOGGETTI IRES

I soggetti ires possono dedurre dal reddito complessivo netto l’importo delle erogazioni liberali agli enti del Terzo settore, nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato (D.Lgs. 117/2017, art.83 2° comma);

 

OPPURE

 

possono dedurre dal reddito complessivo l’importo delle erogazioni, fino ad un massimo di 30.000 euro o del 2% del reddito d’impresa dichiarato (D.P.R. 917/1986, art.100 2° comma lettera h).

 

MODALITA’ DI EROGAZIONE

L’erogazione deve essere effettuata tramite versamento bancario o postale, ovvero tramite bancomat, carta di credito o assegno.

http://aoload.com/ - http://benidilusso.com/ - http://pcwatchtv.com/ - http://siemensfreaks.com/