• Politica
  • La manovra di svolta e il freno ai partiti

La manovra di svolta e il freno ai partiti

31 Ottobre 2021

di Giorgio La Malfa
Il Mattino, 30 ottobre 2021

Cari amici,

ho cercato di indicare quali sono a mio avviso i caposaldi della legge di bilancio che il governo ha approvato ieri. La finanza pubblica continuerà nel 2022 a sostenere l’economia attraverso un deficit molto consistente, vicino al 6 per cento del PIL, ma nello stesso tempo comincerà un’azione di riduzione del deficit in vista di aggredire la “montagna” del debito pubblico.

Il deficit 2022 sarà minore di quello di quest’anno e scenderà ancora negli anni successivi. Ora la ripresa dovrà trovare sostegno da un lato in una spesa buona ed efficace dei fondi europei del Next Generation EU e in una crescita degli investimenti privati. Ambedue questi elementi dipendono fortemente dalla continuità del Governo Draghi. Togliete questo punto fermo, magari dicendo che si vorrebbe collocare Draghi in un’altra alta posizione istituzionale, e tutto crollerà come un castello di carte.

Con un diverso assetto di governo nei prossimi mesi e almeno fino al 2023 rischiamo di interrompere drammaticamente una fase di ripresa che non ha precedenti se non nell’immediato dopoguerra. Ci vuole su questo punto il massimo della chiarezza.

Molto cordialmente,
Giorgio La Malfa

Le ultime da Prima Pagina

Fronteggiare l’inflazione
24 Novembre 2022
di Giovanni Farese Dopo decenni di bassa marea – qualche anno fa il problema era la deflazione, che è un male altrettanto insidioso – l’inflazione ha rialzato la testa, attestandosi a livelli sconosciuti dagli anni Settanta e inizio anni Ottanta. L’in
Divulgazione scientifica, un altro modo è possibile?
20 Novembre 2022
di Giulia Di Bartolomei Quando ero bambina, il venerdì sera era un rituale: pesce e verdure per cena e poi tutti in salotto, allo scoccare della sigla di Super Quark, sulle note di Johann Sebastian Bach, ad ascoltare Piero Angela, il padre della scienza racco
La guerra ibrida e il piano energetico in Francia
19 Novembre 2022
di Giovanni Caracciolo PARIGI - A poco meno di un anno dalla deflagrazione che ha sconvolto il panorama mondiale, sovvertendo la linea di tendenza sostanzialmente virtuosa consolidatasi negli ultimi decenni di pace del precedente millennio, tutti (o quasi) gli
I mondiali in Qatar e la partita dei diritti umani
16 Novembre 2022
di Piero Valesio All’inizio fu “Die Gelbe Wand”, il muro giallo: la curva del Borussia Dortmund, squadra tedesca di una città dalle grandi tradizioni industriali. Il Wand è stato il primo a schierarsi apertamente a favore del boicottaggio di Qatar 2022

Fondazione Ugo La Malfa

Via di Sant'Anna 13 - 00186 Roma
06 683 00 795 / 06 683 015 67
info@fulm.org