• Economia
  • Il sesto pacchetto di sanzioni: un bicchiere mezzo pieno

Il sesto pacchetto di sanzioni: un bicchiere mezzo pieno

01 Giugno 2022

di Giovanni Farese

Quando si osservano le decisioni e le vicende europee si può cedere alla tentazione di vedere il bicchiere mezzo vuoto. Tanto più quando i costi della guerra – anzitutto in termini di vite umane – inducono a indignazione e impazienza. Può essere così anche questa volta. Il sesto pacchetto di sanzioni, infatti, oltre a evidenziare la frattura tra un paese, l’Ungheria, e il resto dell’Unione, contiene due pesanti limitazioni: la prima è che l’embargo è parziale, perché esclude gli oleodotti per provare a tenere a bordo l’Ungheria; la seconda è che l’embargo è differito, perché entrerà in vigore solo alla fine dell’anno (un termine entro il quale non sappiamo quale sarò lo stato e la sorte della guerra). Sono due limitazioni importanti. La prima, oltre a introdurre i germi della divisione, introduce potenziali elementi di distorsione nel mercato europeo. La seconda mette a disposizione di Putin un tempo utile per correre, in certa misura e per quanto possibile, ai ripari esponendo l’Europa a ripercussioni sui prezzi che potrebbero, fino all’entrata in vigore dell’embargo, compensare almeno in parte la riduzione delle quantità che seguirà nel 2023.

D’altra parte, non si può negare che il sesto pacchetto di sanzioni costituisca un importante passo in avanti e che si debba guardare ad esso come a un bicchiere mezzo pieno. È inutile indulgere alla […]

Vai all’articolo https://www.ilcommentopolitico.net/post/il-sesto-pacchetto-di-sanzioni-un-bicchiere-mezzo-pieno

Le ultime da Prima Pagina

Dopo la sentenza americana: il rischio del contagio
27 Giugno 2022
di Silvia Di Bartolomei La sentenza della Corte Suprema americana che abolisce il diritto federale all’aborto e autorizza ogni singolo Stato a disciplinare la materia, è esplosa venerdì 24 giugno con la forza di una bomba. Sebbene già annunciata con una
5xMille
27 Giugno 2022
Sostenere liberamente la Fondazione Ugo La Malfa onlus significa contribuire a: mantenere viva la storia del pensiero laico-democratico-repubblicano;conservare il patrimonio librario;proseguire la catalogazione dei volumi della nostra Biblioteca; delle riviste
Perchè il ruolo dell’Italia è determinante
27 Giugno 2022
di Giorgio La MalfaIl Mattino, 26 giugno 2022 Cari amici, penso da qualche tempo che l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia abbia un obiettivo più ampio e cioè che essa punti a provocare una frattura in seno all'Europa fra i Paesi che considerano la
Francia, il rischio dell’ingovernabilità
24 Giugno 2022
Lettera d Parigidi l'Abate Galiani I risultati definitivi delle elezioni legislative e la frantumazione della rappresentanza parlamentare (pur non inattesa) formano oggetto, sin dal “day after”, di attoniti commenti e di analisi catastrofiste di tutti i co

Fondazione Ugo La Malfa

Via di Sant'Anna 13 - 00186 Roma
06 683 00 795 / 06 683 015 67
info@fulm.org