• Politica
  • Perchè il ruolo dell’Italia è determinante

Perchè il ruolo dell’Italia è determinante

27 Giugno 2022

di Giorgio La Malfa
Il Mattino, 26 giugno 2022

Cari amici,

penso da qualche tempo che l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia abbia un obiettivo più ampio e cioè che essa punti a provocare una frattura in seno all’Europa fra i Paesi che considerano la Russia una minaccia mortale e quelli che invece pensano che con la Russia si possa e si debba collaborare.

Questa divisione si sta manifestando, anche se in modo coperto perché gli USA sono riusciti a tenere insieme la NATO su una posizione di rigida contrapposizione a Putin. Ho sollevato questo problema perché penso che stiamo sottovalutando Putin, stiamo cioè attribuendogli obiettivi più limitato di quelli che egli ha. Non sono certa – nessuno lo può essere – che le cose stiano come io temo, ma ritengo che sia necessario approfondire questo problema.

Con viva cordialità
Giorgio La Malfa

Le ultime da Prima Pagina

L’austerità non è la giusta risposta alla crisi
01 Agosto 2022
di Giorgio La MalfaIl Mattino, 1 agosto 2022 Cari amici,nell'ultima parte di questo articolo apparso stamane sul Mattino ricordo che vi è una differenza essenziale fra la reazione europea alle crisi degli anni 2008-2010 e quella successiva alla pandemia.  Al
5xMille
30 Luglio 2022
Sostenere liberamente la Fondazione Ugo La Malfa onlus significa contribuire a: mantenere viva la storia del pensiero laico-democratico-repubblicano;conservare il patrimonio librario;proseguire la catalogazione dei volumi della nostra Biblioteca; delle riviste
Politica estera, l’asso del centrosinistra
30 Luglio 2022
Intervista a Giorgio La Malfadi Roberto Petrinil'Avvenire, 30 luglio 2022 Cari amici, Ho dato oggi all' Avvenire un'intervista per chiarire la proposta avanzata nell'articolo di Repubblica di due giorni fa. Mi sembra di avere chiarito molti punti su cui avevo
Il tandem Macron-Borne piace ai francesi
30 Luglio 2022
Lettera da Parigidi l'Abate Galiani Nel clima funestato dagli oscuri presagi provenienti dall’Est e dal Sud dell’Europa, cominciano a dissiparsi le prime incertezze che avevano pervaso la scena politica e si attenuano le profezie più catastrofiste sul vic

Fondazione Ugo La Malfa

Via di Sant'Anna 13 - 00186 Roma
06 683 00 795 / 06 683 015 67
info@fulm.org