La Fondazione pubblica dal 1985 una rivista di storia politica, gli Annali, che si occupa di ricerche e studi che riguardano l’opera e l’attività di Ugo La Malfa e la storia del movimento democratico italiano. La rivista ospita inoltre studi sulla storia italiana contemporanea e sulla costruzione dell’unità europea, nonché il resoconto dell’attività svolta dalla Fondazione.

Fondi

Fondi

La biblioteca della Fondazione Ugo La Malfa è specializzata nella storia del movimento laico-azionista-repubblicano, rappresentata dalla figura di Ugo La Malfa. Possiede anche opere sulla storia dei partiti politici e dell'Italia repubblicana più una raccolta di testi economici e di economia politica. Preziose sono la raccolta di opuscoli e l'emeroteca, con periodici che vanno dall'Ottocento ai giorni nostri e. Vi si contano riviste appartenenti alla più antica tradizione repubblicana e giornali stampati durante la clandestinità e la guerra.  L'emeroteca conta inoltre molte riviste specializzate, in corso o chiuse.

La biblioteca della Fondazione nasce nel 1984 da un nucleo di volumi appartenenti a Ugo La Malfa, donato dagli eredi e si accresce nel corso degli anni con acquisti mirati e una serie di donazioni successive. I fondi provengono dalle biblioteche di Leone Bortone, Maria Calogero Comandini, Marcello Cardone, CEEP/Centrostudi di politica economica, Giorgio La Malfa, Lamberto Mercuri, Guglielmo Negri, Carlo Maria Santoro e Giancarlo Tartaglia.

La Fondazione aderisce al catalogo SBN  attraverso il Polo degli Istituti Culturali – IEI
 
Orari
La Biblioteca della Fondazione Ugo La Malfa è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00. Di norma è chiusa nei giorni festivi e nel mese di agosto. Per consulenze bibliografiche si prega di contattare il dott. Corrado Scibilia per un appuntamento al n. 0668300795

Modalità di ammissione
Sono ammessi alla consultazione del materiale bibliografico studenti e studiosi che ne facciano richiesta. L'accesso è consentito dietro presentazione e/o esibizione di documenti concernenti l'attività professionale e di ricerca. All'utente che accede per la prima volta, si richiede di compilare un modulo nel quale siano indicati i dati relativi all'identità, alla residenza e l'oggetto delle ricerche. 

Fondi della Biblioteca della Fondazione Ugo La Malfa:

Il fondo Ugo La Malfa, donato dagli eredi nel 1984, rappresenta il nucleo originario della Biblioteca della Fondazione. Comprende una parte importante della biblioteca personale dello statista, con testi di storia politica e di economia, accumulati nel corso della vita. Di particolare rilevanza i volumi sui quali il giovane La Malfa si formò: fondamentali per conoscere il suo percorso intellettuale.

Il fondo Girolamo Arnaldi, donato dal professor Girolamo Arnaldi, professore di Storia Medievale all’Università di Roma “La Sapienza”, è composto di circa 114 volumi riguardanti politica e storia contemporanea.

Il fondo Leone Bortone consiste nella biblioteca personale dello studioso, donata interamente dagli eredi. Leone Bortone rappresentava la componente liberal-socialista del Partito d'Azione, di cui fu uno dei fondatori. Alla fine della guerra, lasciò l'attività politica per dedicarsi all'insegnamento e scrisse saggi di storia e filosofia. Il fondo consta di circa 4800 volumi di argomenti vari: dalla filosofia alla narrativa alle scienze sociali. La parte preponderante è costituita da testi sulla storia italiana del Novecento.

Il fondo Dino Botticelli, donato dall’avvocato Dino Botticelli, comprende sia materiale archivistico documentario che iconografico, oltre ad una ampia e organica raccolta di volumi riguardanti la storia del Risorgimento italiano, con particolare riguardo alle vicende del movimento mazziniano.

Il fondo Marcello Cardone è ricco di testi sulla storia dell'anarchismo e del movimento sindacale. Antifascista e anarchico, partecipa alla lotta partigiana fondando, dopo l'8 settembre, la Brigata Stalin. Nel 1945 Cardone entra nella Federazione Anarchica Italiana e, nel congresso di Carrara del 1978, promuove la costituzione dell'Unione Sindacale Italiana (USI il sindacato degli anarchici) di cui sarà segretario generale fra il 1994 e il 2000. Il fondo consta di circa 600 volumi e di collezioni di riviste specializzate.

Il fondo CEEP accoglie la biblioteca del CEEP (Centro Studi di Politica Economica), fondato a Torino, nel 1973, da Giorgio La Malfa. Comprende tutta la produzione del CEEP: rapporti annuali sulla economia italiana, volumi degli studi realizzati, riviste e dossier. Alle edizioni CEEP, si aggiungono anche i volumi che facevano parte della biblioteca CEEP.

Il fondo Michele Cifarelli, donato dalla vedova dell’esponente repubblicano. Azionista, poi membro della direzione del Pri, fu senatore e deputato nel Parlamento nazionale e fece parte del Parlamento europeo. E’ un vasto fondo, ricco di testi relativi all’attività e agli interessi culturali e politici dell’avvocato. 

Il fondo Maria Comandini Calogero, donato dagli eredi di Maria Comandini Calogero, moglie di Guido Calogero, attiva nell’organizzazione dei movimenti femminili, fondatrice del Cepas (Centro per l’Educazione Professionale degli Assistenti Sociali), comprende circa 512 volumi di politica, affari sociali e storia contemporanea.

Il fondo Leone Iraci Fedeli, donato da Leone Iraci Fedeli, azionista, professore di economia, comprende circa 162 volumi di storia e politica contemporanea.

Il fondo Giorgio La Malfa, donato da Giorgio La Malfa, professore di economia politica, segretario nazionale del Pri, comprende circa 300 volumi riguardanti politica, economia e storia contemporanea.

Il fondo Giorgio Medri, donato dalla vedova dell’esponente repubblicano. Comprende testi di storia sul Partito repubblicano.

Il fondo Lamberto Mercuri, donato da Lamberto Mercuri, storico, collaboratore di Ferruccio Parri, fondatore della FIAP (Federazione Italiana Associazioni Partigiane), comprende opuscoli e testate riguardanti il Partito d’Azione.

Il fondo Guglielmo Negri, donato dagli eredi alla sua scomparsa, nel 2000, è di grande rilevanza. Guglielmo Negri fu vicesegretario generale vicario della Camera dei deputati e docente universitario di Diritto Pubblico Comparato e Costituzionale. Fu anche sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e presidente del PRI. Il fondo, di circa 500 volumi, comprende testi classici di storia politica, giuridica e di storia americana, materie delle quali Negri era esperto.

Il fondo Giulio Picciotti, donato da Giulio Picciotti, giornalista e collaboratore di Ugo La Malfa, è composto di circa 111 volumi riguardanti politica e storia contemporanea.

Il fondo Amedeo Piraino, comprende una ricca raccolta di quotidiani e settimanali.

Il fondo Carlo Maria Santoro (circa 1.500 volumi), imponente fondo relativo alla storia delle relazioni internazionali, alla storia politica del novecento e alla storia del pensiero politico.

Il fondo Giancarlo Tartaglia, donato da Giancarlo Tartaglia, direttore generale della Federazione Nazionale della Stampa, già segretario generale dell’Istituto e direttore responsabile degli Annali, comprende circa 150 volumi, riguardanti politica e storia contemporanea.

Il fondo Vincenzo Torraca, donato dagli eredi di Vincenzo Torraca, azionista, comprende circa 152 volumi di politica, letteratura e storia contemporanea.

Il fondo Claudia Vinciguerra, donato dagli eredi della figlia dell’illustre esponente azionista Mario.

Donazioni

La Biblioteca ha ricevuto anche donazioni di monografie e collezioni di riviste. Le più rilevanti sono state effettuate da:

Ciro De Martino

Mario Di Bartolomei

James Fentress

Ludovico Gatto

Luisa La Malfa

Lanfranco Mazzotti

Teresa Napoleone

Alberto Ronchey 


 

 
 
http://aoload.com/ - http://benidilusso.com/ - http://pcwatchtv.com/ - http://siemensfreaks.com/